?

Antonio Sciacca
Antonio Sciacca
Antonio Sciacca

press to zoom
Antonio Sciacca
Antonio Sciacca

press to zoom
Antonio Sciacca
Antonio Sciacca

press to zoom
Antonio Sciacca
Antonio Sciacca

press to zoom

La Mostra

Per la prima volta in città, una personale del pittore siciliano Antonio Sciacca. La mostra a ingresso libero, sarà inaugurata martedì 23 settembre dalle ore 18:30 e sarà visitabile fino al 18 ottobre. L’ampia retrospettiva ripercorre in modo esaustivo gli itinerari dell’immaginario del Maestro siciliano.

Nella Wunderkammer del suo “repertorio” colleziona souvenir dal sapore esoterico e scaramantico, per poi calarli in una rassicurante dimensione domestica, fatta di solide nature morte e oggetti di design, come nella serie dei Vasi di Venini (2014). L’interesse per i freaks, i circensi e gli artisti di strada, lo avvicinano in modo critico alla contemporaneità con una sensibilità del tutto personale. Nelle sue irriverenti icone femminili, mette in scena ironiche citazioni della cultura alta e del mondo pop. Come un illusionista gioca col segno e il significato per creare cortocircuiti visivi e concettuali, fino agli esiti delle aspre e pungenti Madonne in gabbia (2014): donne sacre e profane idealizzate, mediante una figurazione lirica dal sapore fiammingo, in una serie di ritratti di statue del XVII e XVIII secolo raffiguranti la Vergine e sante, attraverso le quali affronta criticamente tematiche sociali e attuali quali il consumismo e la griffe come status symbol.

 

ANTONIO SCIACCA (Catania, 1957) Frequenta l'Accademia delle Belle Arti e nel 1978 è selezionato dalla Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma, per partecipare alla mostra Internazionale d'Arte Moderna di Glasgow, conseguendo riconoscimenti e ottimi riscontri da parte della critica. In occasione della stesura della sua tesi di laurea sui riferimenti letterari nell'arte di Francis Bacon, ha modo di conoscerlo e intervistarlo personalmente nel suo studio di Londra.

 

Nel 1980 incontra Alberto Burri con il quale entra in affettuosa amicizia e frequentazione; di lì a poco conosce anche il critico Pierre Restany, che per lui elabora un testo critico intitolato “Fantasmi Familiari”. Nel 1987 redige a Bologna il manifesto 'Dichiarazione di Metropolismo', dando il via ad un importante movimento che, grazie alla teorizzazione di Achille Bonito Oliva, coinvolgerà artisti di calibro internazionale in esposizioni in Italia e all’estero. Negli anni hanno scritto di lui importanti giornalisti, scrittori e critici d’arte tra cui: Alberico Sala, Omar Calabrese, Renato Minore, Alberto Abruzzese, Valerio Dehò, Vittorio Sgarbi e Philippe Daverio. Attualmente è docente di Pittura all’Accademia d’Arte e Restauro Nike di Catania. Vive e lavora tra Catania e Firenze.

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon