Lina Corina

Lina Corina
Lina Corina

Stretto - olio su tavola

press to zoom
Lina Corina
Lina Corina

Stretto - olio su tavola

press to zoom
Lina Corina
Lina Corina

Le rose in bleu - acrilico e smalto - 40x45 cm

press to zoom
Lina Corina
Lina Corina

Stretto - olio su tavola

press to zoom

Bio | Cv

Lina Corina  

( San Demetrio Corone - CS, 1962)

Vive e lavora a Reggio Calabria

 " La sua opera è testimone e artefice di una coraggiosa lotta per la sopravvivenza e per l’affermazione dell’essere contro il disfacimento inesorabile del corpo, che non entra in contrasto con la natura ma si muove di concerto con la sua inarrestabile opera di trasformazione. "

 

Si forma al Liceo Artistico di Cosenza e consegue una laurea in Architettura a Reggio Calabria, dove si trasferisce in pianta stabile.

Architetto e designer, supera più volte i confini della sua formazione accademica per addentrarsi in un universo poetico pervaso da un senso di inquietudine che accoglie e disarma. Nel suo lavoro recupera materiali di scarto contaminati, superfici corrose da agenti esterni le cui trame sono irrimediabilmente corrotte dall’azione distruttiva del tempo. Interviene poi con pigmenti puri, vernici e resine che vivificano la texture dei supporti e lasciano emergere immagini sopite tra le fibre della materia.

Un’azione salvifica la sua, che sottrae la fisicità del qui e ora all’oblio eterno.

Nel suo percorso espositivo si annoverano la pluriennale adesione alla Biennale d’Arte della Magna Grecia e l'adesione a numerose iniziative dell’Assessorato al Turismo della Regione Calabria, nonchè la partecipazione ad autorevoli iniziative di respiro nazionale e non solo quali: la Biennale d’Arte Internazionale tenutasi presso la prestigiosa Sala del Bramante annessa alla Chiesa di Santa Maria del Popolo in Roma nel gennaio 2004; la rassegna d’arte Profumo di Donna organizzata nell’ambito del Premio della Cultura patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e allestita nella sala “Convivium” della Redazione del Corriere di Roma nel dicembre 2004; la mostra Mille artisti a Palazzo ospitata nelle storiche sale del Palazzo Arese Borromeo di Cesano Maderno (catalogo a cura di Luciano Caramel, Mondadori Milano 2009). Trascorre alcuni anni tra Milano e Venezia, dove avvia numerose collaborazioni con artisti e spazi espositivi del territorio.